LIBERAROMA

Roma capovolta: l’informazione dal basso…

Archive for the ‘informazione’ Category

Torniamo a Montecitorio per difendere la Costituzione

Da questa sera fino a tutta la giornata di domani sarà presidio continuo di fronte alla sede del Parlamento contro chi vuole mettere il bavaglio alla rete

di Vittorio Bonanni

A Berlusconi e compagni fa paura anche la rete, che, come è noto, non mette confini alla libertà d’informazione e inquieta più di un regime totalitario nel pianeta. Così nel ddl di legge sulle intercettazioni telefoniche è previsto per i blogger l’obbligo di rettifica entro 48 senza fare alcuna distinzione fra l’informazione professionale e quella amatoriale, che dovrebbe essere soggetta a ben altre regole. Così da stasera fino a tutta la giornata di domani, quando alle ore 16 questo punto sarà in discussione, davanti a Montecitorio ci sarà un presidio continuo, che non guarderà certo le lancette dell’orologio e che seguirà di poche ore quello organizzato dalla Cgil contro i tagli previsti dalla manovra finanziaria.

Leggi il seguito di questo post »

Written by Redazione

luglio 28, 2010 at 5:11 PM

Pubblicato su informazione, Uncategorized

Facciamolo ancora. “Manifesto” in piazza, con tutti i giornali a rischio chiusura

copertina del manifesto per il presidio sotto montecitorio

di Vittorio Bonanni

Il gran caldo non ha certo scoraggiato i compagni del manifesto dall’organizzare, sotto il gazebo dei lavoratori dell’Eutelia, una riunione di redazione pubblica davanti Montecitorio finalizzata a denunciare il grave blocco dei finanziamenti pubblici all’editoria che mettono un punto interrogativo sul futuro del quotidiano comunista come pure di tante altre testate, la nostra in primo luogo. Oltre ai redattori del giornale diretto da Norma Rangeri, molti i presenti a portare la propria solidarietà e a sfidare, oltre alle alte temperature, anche il frastuono provocato dai lavoratori della base siciliana di Sigonella e toscana di Camp Derby che protestavano contro la decisione di sostituirli con dei “contractors“ statunitensi: dall’ex presidente della Camera e già segretario del Prc Fausto Bertinotti a Vincenzo Vita, membro della Commissione parlamentare per l’indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi; da Roberto Natale, presidente della Federazione nazionale della stampa a Claudio Fava e Alfonso Gianni di Sinistra e Libertà e ad Ignazio Marino del Pd; da Giuseppe Giulietti di Articolo 21 a Luigi De Magistris dell’Italia dei Valori; da Corradino Mineo, il cui posto di direttore di Rainews24 rischia di saltare in queste ore per far spazio ad uomini graditi al governo fino a chi scrive, inrappresentanza appunto di Liberazione e ai colleghi di Confronti, del Salvagente e di Carta.

Vauro dal canto suo era presente con il casco blu dell’Onu in testa: «Visto che le Nazioni Unite hanno chiesto al governo di rivedere o ritirare il ddl Alfano – ironizza il disegnatore – ho deciso di arruolarmi». Anche Paolo Ferrero era lì sotto il gazebo a portare la solidarietà all’ex giornale di via Tomacelli: «Il manifesto è un patrimonio della sinistra, della cui unità mi auguro si renda protagonista partecipando alla costruzione della grande mobilitazione che occorre per mandare a casa Berlusconi. Siamo qui a testimoniare – ha detto il segretario del Prc – solidarietà e vicinanza nei riguardi della battaglia per la vita del manifesto: un giornaleoriginale, eretico e di valore culturale, cui ci sentiamo accomunati dall’impegno per la libertà di stampa, l’uguaglianza, la giustizia sociale e la democrazia». L’ex ministro ha auspicato che «il quotidiano si faccia parte attiva della necessaria costruzione dell’unità a sinistra, a cominciare da una grande manifestazione nazionale di tutte le forze di sinistra per sconfiggere l’ingiustizia sociale, la riduzione degli spazi democratici e il colpo di stato monetario perpetrati da questo governo e mandarlo definitivamente a casa».

Written by Redazione

luglio 15, 2010 at 12:16 PM

Pubblicato su informazione

Questo piccolo grande errore. Con Pillolissima 2009 libertà e autodeterminazione!

leave a comment »

img_7285Il 14 febbraio è il giorno degli innamorati: per questo ci siamo chieste se i rapporti amorosi tra giovani e meno giovani siano tutelati effettivamente con l’accesso a misure preventive e anticoncezionali. Questa notte i più grandi ospedali di Roma sono stati oggetto di un blitz-inchiesta da parte di studentesse (di alcune scuole di Roma e delle due università La Sapienza e Roma 3) e precarie. L’obiettivo è quello di tracciare una mappa di quegli ospedali in cui illegalmente si esercita l’obiezione di coscienza sulla contraccezione di emergenza. Verso le 22.00 piccoli gruppi di donne sono entrati contemporaneamente nelle sale dei pronto soccorso richiedendo la cosidetta “pillola del giorno dopo”, che deve essere assunta entro le 72 ore dal rapporto sessuale ma la cui efficacia diminuisce col passare delle ore.

I dati raccolti la scorsa notte sono i seguenti.

Il policlinico Gemelli e l’ospedale S.Pietro Fate Bene Fratelli non prescrivono la pillola. Difronte alle insistenze delle studentesse, il personale risponde che questi sono ospedali cattolici(come se si fossero dimenticati di essere convenzionati con lo stato italiano), giustificando, in questo modo, l’omissione di soccorso. Leggi il seguito di questo post »

aggressione fascista alla sapienza!

leave a comment »

Oggi il Ministro Tremonti sarebbe dovuto venire ospite alla Sapienza, ma immaginando possibili contestazioni, ha deciso di rinunciare. E’ stato convocato comunque un sit-in di un centinaio di studenti che hanno portato uno striscione con scritto: “Tremonti rinuncia Frati denuncia”. Infatti nel corso dell’ultima settimana, sono arrivate una quarantina di denuncie a carico degli studenti dell’Onda per le contestazioni dell’inaugurazione dell’anno accademico, oltre a quelle per l’azione simbolica che si era tenuta alla festa del cinema. Durante lo svolgimento del sit-in, uno studente di Scienze Politiche della Sapienza, che si era allontanato, è stato aggredito e ferito da due provocatori, due fascisti che ostentavano saluti romani. Un’altra aggressione è stata compiuta contro uno studente, un’altra aggressione si aggiunge agli ulteriori atti di violenza, cui quotidianamente assistiamo, non ultimo il raid a Porta Furba di sabato a danno dei migranti. Leggi il seguito di questo post »

Written by Redazione

febbraio 16, 2009 at 4:12 PM